//
you're reading...
Società

I segreti dello Ior

ior2Laicità sotto scacco e potere finanziario. Nemmeno il Concordato di Craxi ha scalfito l’ingerenza della Chiesa romana nella vita degli italiani. Il deputato radicale del Pd Maurizio Turco solleva il caso dell’Istituto per le opere di religione di Federico Tulli

«La religione cattolica, apostolica e romana è la sola religione dello Stato». È l’11 febbraio del 1929 quando Mussolini e Pio XI siglano i Patti lateranensi tra lo Stato italiano e la Santa sede. Nasce la Città del Vaticano e al pontefice vengono attribuiti i poteri di un sovrano. Quelle poche parole dell’articolo 1, a 59 anni dalla Breccia di Porta Pia, legano Stato e Chiesa in un vincolo quasi indissolubile: una secca frase che riesuma un principio dello Statuto albertino che rimarrà saldo anche dopo la caduta del fascismo e il varo della Costituzione del ’48. È infatti solo il 18 febbraio 1984 che l’allora presidente del Consiglio Bettino Craxi sigla il nuovo concordato con il Vaticano, abrogando quello dell’Italia fascista e con esso lo sciagurato comma. Una firma che secondo il deputato radicale del Partito democratico Maurizio Turco arrivò con 36 anni di ritardo: «In pratica – spiega Turco a left – il carattere di laicità dello Stato stabilito all’articolo 8 della Carta risulterà violato fino al nuovo Concordato».
Onorevole Turco, Craxi che abroga i Patti lateranensi merita un giudizio positivo?
Non direi. Il Concordato dell’84 ha cambiato ben poco poiché persiste il problema costituzionale rappresentato dall’articolo 7, che consente a una confessione religiosa, quella cattolica, di essere trattata in maniera diversa dalle altre.
Tutto questo in che termini lo pagano gli italiani? patti_l
Diritti civili a parte, lo pagano anzitutto in denaro contante. La questione economica preme alla Santa sede al pari di quella religiosa, visto che l’obiettivo è creare un impero. Con a capo un monarca assoluto dotato di poteri come nessun dittatore al mondo: solo il papa in qualsiasi momento può interrompere un processo e stabilire lui la sentenza. E con un’organizzazione  – che per il potere che va acquisendo sempre più sembra oggi essere Comunione e liberazione – che si occupa della gestione del denaro e delle altre ricchezze.
Di che cifre stiamo parlando?
Impossibile saperlo con precisione. Oltre agli introiti dell’otto per mille, tutto ruota intorno allo Ior, l’Istituto per le opere di religione, che è rigorosamente protetto dall’articolo 11 del Concordato laddove dice che «gli enti centrali della Chiesa cattolica sono esenti da ogni ingerenza da parte dello Stato italiano».
Ma lo Ior è una banca. Non dovrebbe essere vincolato a specifiche leggi internazionali?
Sì, certo, è una banca. Ma, nel corso del processo a Marcinkus per lo scandalo del Banco ambrosiano, il Vaticano dichiarò che la sua attività è strumentale per il perseguimento dei fini religiosi.
Significa che non ci dobbiamo impicciare?
Esattamente. Le faccio un esempio per capire fino a che punto non dobbiamo sapere. Durante il processo “Gea”, quello ai procuratori dei calciatori, a un certo punto è emerso un conto allo Ior. Ma non si è potuto approfondire né l’entità, né la provenienza del denaro perché quando c’è lo Ior di mezzo ormai i magistrati non chiedono più nemmeno le rogatorie.
m_turcoCome mai?
Perché è inutile: sanno già quale sarà la risposta e la motivazione del rifiuto.
Per via dell’articolo 11?
Appunto. Ma, se possibile, c’è un fatto ancora più grave che riguarda questo comma.
Ci spieghi meglio…
L’Italia ha ricevuto dall’Unione europea il mandato di trattare le questioni finanziarie col Vaticano a nome di Bruxelles. Questo significa che in base al Concordato noi consentiamo a questo Stato di essere “indirettamente” nel sistema finanziario europeo dei pagamenti intracomunitari, senza che però il suo principale istituto bancario sia soggetto ad alcun controllo. Inoltre, il Vaticano fa parte di tutte le organizzazioni internazionali che si battono contro il riciclaggio e per la trasparenza bancaria. Dunque questi sanno tutto ciò che fanno gli altri, senza alcun obbligo di dichiarare cosa fanno loro.
Da quello che dice, lo Ior non dovrebbe aver problemi di concorrenza…
Il vincolo dell’articolo 11 ce lo lascia solo immaginare. Anche se ogni tanto qualcosa trapela. Clamorosa fu la nostra casuale scoperta di tre anni fa (vedi left n. 32-33/2008, ndr) quando nel bilancio dei medici cattolici giapponesi pubblicato online trovammo riferimenti a una convenzione con lo Ior per un conto corrente che dava il 12 per cento di interessi. Se fosse un prestito potremmo chiamarla usura, trattandosi di un tasso attivo, come possiamo definirla: corruzione? _ Left 05/2009

Annunci

Informazioni su Federico Tulli

Federico Tulli è un giornalista professionista. Collabora con diversi periodici, tra cui “Left”, “MicroMega” e “Critica liberale”. Sul web è condirettore di “Cronache Laiche”, firma un blog su “MicroMega”, ha ideato e dirige il magazine di divulgazione culturale e scientifica “Babylon Post”. Per L'Asino d'oro edizioni ha pubblicato: “Chiesa e pedofilia. Non lasciate che i pargoli vadano a loro” (2010), “Chiesa e pedofilia, il caso italiano” (2014) e “Figli rubati. L'Italia, la Chiesa e i desaparecidos” (2015).

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Figli rubati – In libreria dal 25 settembre 2015

Il 12 febbraio 2015 è iniziato a Roma un importante processo per i crimini di lesa umanità subiti da 42 italiani sequestrati e uccisi nell'ambito del Piano Condor. Questo accordo segreto tra i governi e le polizie di sette Paesi del Sud America è stato realizzato tra gli anni Settanta e Ottanta fuori da qualsiasi alveo costituzionale per reprimere l'opposizione, facendo scomparire una intera generazione di giovani impegnati nella difesa dei diritti umani. Tra le parti civili del processo ci sono quattro quarantenni: furono rubati appena nati alle loro madri internate nei centri di tortura del 'Condor', e affidati a famiglie contigue ai regimi per essere educati secondo valori «occidentali e cristiani». La loro storia, insieme a quella dei 42 giovani desaparecidos italiani, è ricostruita nel nuovo libro-inchiesta di Federico Tulli, “Figli rubati. L'Italia, la Chiesa e i desaparecidos” in uscita per L'Asino d'oro edizioni
L'indagine dell'autore parte da Milano. Qui vivono i parenti di una ragazza scomparsa nel 1977, e ritrovata in maniera rocambolesca nel 2014, i cui nonni dopo aver saputo della sua nascita in un lager di Buenos Aires si rivolsero senza successo anche a Jorge Mario Bergoglio allora capo dei gesuiti argentini. Secondo Estela Carlotto, presidente delle Abuelas di Plaza de Mayo, che dopo 36 anni di ricerche ha ritrovato il nipote Guido, almeno 70 “figli rubati” vivono in Italia senza conoscere la propria storia e non si riesce a trovarli. Perché, come ricostruisce Tulli, le ali del Condor sono ancora aperte.
Nella prefazione l'avvocato paraguayano Martin Almada, Premio Nobel alternativo per la Pace 2002, racconta come ha scoperto nel 1992 ad Asuncion gli Archivi del terrore. Queste carte, circa 700mila documenti ammassati in una anonima caserma di polizia, negli anni hanno consentito a decine di tribunali di ricostruire parte della storia del Piano Condor. Grazie agli Archivi, il giudice spagnolo Baltazar Garzon riuscì a incriminare il dittatore cileno Augusto Pinochet, uno dei registi del Piano, e più di recente il pm Giancarlo Capaldo ha potuto istruire il processo in corso a Roma nell'Aula bunker di Rebibbia. Ma la via verso la Verità e la Giustizia, invocate dai sopravvissuti e dai familiari dei desaparecidos, è ancora lunga e tortuosa. Il 30 settembre scorso, Almada, al termine dell'Udienza generale in Vaticano, ha chiesto di persona a papa Francesco che la Santa Sede apra i propri archivi declassificando i documenti segreti riferiti al Paraguay, all’Argentina, al Cile, alla Bolivia, al Brasile e all’Uruguay.
Il ruolo ambiguo della Chiesa cattolica in queste tragiche vicende è ulteriormente evidenziato nella postfazione di Simona Maggiorelli: un'inchiesta sulla storia dei 300mila bambini rubati ai “sovversivi” nella Spagna franchista, e nei 20 anni successivi alla morte del dittatore fascista avvenuta nel 1975, all'interno di cliniche gestite da congreghe religiose. È qui che affondano le radici ideologiche dei furti di neonati perpetrati in America Latina.

Aggiornamenti Twitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: